Dear Universe…

Dear Universe…

Da quando sono piccola, ho sempre vissuto con due realtà completamente diverse, ovvero una più comune, e una più sul “magico”, o meglio… che la gente ritiene magica e inesistente.

Mia madre si è sempre interessata e informata su metodi molto individuali su come vivere la vita al meglio, dalle sue tecniche curative al modo di pensare.

Quindi mi sento un po’ come Sabrina vita da strega: sono la Nichi normale agli occhi di tutti, ma nella mia mente conservo alcuni trucchetti brillanti per saltare qualche ostacolo con più facilità del previsto.

Vi starete chiedendo qual è il mio grado di pazzia, ma ora solleverò i vostri dubbi, e potrete fare il resoconto che meglio vi soddisfa.

Vi avviso: questa è una questione a cui potete credere o meno, non vendo niente, non pubblicizzo niente, e soprattutto che voi lo sappiate o no, a me non cambia niente che ci crediate, perchè con me funziona, e divulgare il verbo non mi costa niente!

E’ iniziato tutto quando ero piccola, mia madre ha portato in casa un libro riguardante “la legge di attrazione”, un metodo antico spiegato in modo moderno per imparare a mutare il proprio modo di pensare, per riuscire ad attirare ciò che ti può far stare bene.

Ovviamente chi scrive questo tipo di libri (e fidatevi ormai le librerie di tutto il mondo traboccano di libri riguardanti questo) sa perfettamente che la gente, avendo una mentalità già formata, fa difficoltà a capire questo genere di cose, infatti quasi tutti cercano di dimostrarti in piccoli passi che non è uno scherzo… come? Ve lo spiego. La legge di attrazione non è un gioco, ma può diventarlo. Il fatto è che non avete niente da perdere, in caso con voi non funzioni perchè non ne siete abbastanza convinti, la vostra vita non cambierà di una virgola e continuerà secondo il suo solito percorso. Il mio consiglio infatti è questo: non comprate uno di questi libri, ma fatevelo prestare, o leggetelo in quache biblioteca: in questo modo non avrete neanche un centesimo da perdere.

(Oppure semplicemente vi ridurrete alle parole della mia professoressa un giorno in cui spiegavo il significato del libro a dei miei amici: “Smettila di leggere queste cagate, che non funzionano!” Non per niente il suo umore giornaliero rispecchiava la sua adorabile vita di m***a. Detto questo…!)

Io da piccola ho riso per le parole di mia madre, finchè giunta l’età della curiosità e indipendenza, mi è capitato in mano di nuovo quel testo e l’ho sfogliato…

Secondo le indicazioni, mi chiedeva di cercare un metodo semplice per dimostrare a me stessa che funzionasse… un esempio stupido? Mi sono autoconvinta che avrei trovato un centesimo per caso (o comunque uno spicciolo) ogni due giorni, nella mia mente vivevo la scena di raccoglierlo da terra, di sentirne la freddezza, l’umidità, i granelli di terra o di polvere che rimanevano incollati a lui dalla sua permanenza sul pavimento di casa, o in una pista ciclabile, o in qualunque altro posto in cui li avrei potuti trovare. Un’esperienza sensoriale completa, ma dentro la mia testa.

Ho trovato la moneta ogni due giorni, allora ho deciso di spingermi oltre.

Questa cosa mi incuriosiva sempre di più, e volevo proprio vedere fino a dove potevo arrivare: lo schermo del mio telefono si era appena spaccato, e decisi di volerne uno nuovo. Prima di andare a letto chiusi gli occhi e immaginai di toccarlo, sentire la vibrazione sotto i miei polpastrelli, sentire quanto fosse liscio, il colore che avrebbe avuto, suoneria e modello. Era il massimo che potessi desiderare, ma solo entro i limiti che mi ero predisposta… Ero convinta che desiderare più di quello fosse un’esagerazione, e che non sarei mai riuscita a raggiungere quel livello.

Il giorno dopo mi ha chiamata mio padre avvisandomi che un suo collega di lavoro gli avesse lasciato un telefono nuovo, e che avrei potuto prenderlo io. Non era però il telefono che avevo desiderato, ma uno che valeva almeno il doppio.

Piano piano durante gli anni ho capito di avere la mia vita in mano, e ho sviluppato un metodo tutto mio che uso ancora adesso.

Ve lo spiego in modo semplice: Noi funzioniamo come funziona Amazon. O meglio, funzioniamo come funziona Wish o Aliexpress. Io uso semplicemente le mie note del telefono: le uso come se fosse un carrello di un sito di acquisti, scrivo quello che voglio e poi lo lascio là, “invio un’ordinazione all’Universo” (come lo chiamo io) e aspetto che arrivi. Magari tu che sei abituato ad Amazon Prime potresti innervosirti non vedendo risultati e pensare che questo metodo non serva a nulla, ma così sbagli. Non devi essere attaccato al risultato finale, ma solo percepire la sensazione che proverai nel momento in cui avrai quello che vuoi, e lasciare andare.

Ma chi è più paziente e fa uso di siti più economici, è a conoscenza del fatto che una volta fatto l’ordine, arriverà. Magari dopo settimane o dopo mesi, si tende anche a dimenticarlo, ma non importa, perchè tu sai che quello che vuoi arriverà da te.

Io faccio così, ordino le cose che desidero, e mesi dopo mi diverto a rientrare sulle note, aprire le mie varie liste, e a spuntare con una “emoji” a caso, le cose che ho già ottenuto.

E’ una cosa più scientifica di quanto pensi: i pensieri sono magnetici e dotati di frequenza. Mentre li concepisci li invii nell’Universo, dove attraggono magneticamente tutte le cose simili che trovano sulla stessa frequenza. Tutto quello che viene emesso ritorna alla sorgente, cioè a te.

Sei come una torre di trasmissione umana, con i tuoi pensieri trasmetti una frequenza. Se vuoi cambiare qualcosa nella tua vita, cambia la frequenza modificando i tuoi pensieri, poichè i tuoi pensieri attuali creano la tua vita futura! Più ti concentri su una cosa, più essa si manifesta come parte della tua vita!

La legge di attrazione è tale e quale a quella di gravità: se tu fossi un umano nato e vissuto da solo o con pochi membri di un popolo, senza nessun tipo di conoscenza, tantomeno scientifica, e un tizio arrivasse e ti dicesse “sai che noi voleremmo se non fosse per questa stupida forza invisibile che ci spinge a terra?” Tu gli rideresti in faccia, ma solo perchè nella tua società/vita di sempre, non è una cosa conosciuta e comprensibile. La stessa reazione potrebbe averla una persona che vive nella società di oggi, davanti a certe conoscenze.

Lo stesso vale per le esperienze sgradevoli. Niente può entrare nelle tue esperienze se tu non lo richiami continuando a pensarci. Se hai paura che ti succeda qualcosa di brutto e continui a pensare a come fallirai o a come starai male, vedi che succederà. Il modo più semplice è chiedersi come ci sentiamo in quel momento: secondo le sensazioni e le emozioni che stiamo provando capiamo in che “frequenza di pensiero” siamo.

Come il genio di Aladdin, la legge esaudisce ogni tuo ordine, è semplice: chiedi, credi e ricevi.

Se vuoi dimagrire, non concentrarti sul perdere peso o sul non piacerti, focalizzati sul momento in cui salirai sulla bilancia e vedrai il peso dei tuoi sogni… io ho fatto così!

E soprattutto, l’universo non è materialista, a lui non cambia niente inviarti un euro o mille, dipende tutto dal modo in cui pensi tu, non importa il come possa accadere, ma il fatto che tu sai che accadrà, o che tu ti senta come se fosse già accaduto… certo non aspettarti che piovano dal cielo, ma… chi può mai sapere, un’eredità che non sapevi di avere, la vincita alla lotteria, o una ricompensa nazionale per una buona azione compiuta casualmente e distrattamente! Il mondo è pieno di sorprese!

È importante però percepire le sensazioni felici non solo immaginando quello che desideri, ma anche verso quello che hai già! Sentiti fortunato per la tua vita, più sei nell’abbondanza più ne attiri!

Puoi volere un buon voto a scuola, puoi voler dimagrire, ingrassare o trovare una persona con cui essere felice, puoi desiderare un paio di scarpe o di fare il viaggio che ti cambierà la vita: la cosa fondamentale è sentire la sensazione che proverai in quel momento, sentirti già in quella situazione e non nella situazione di mancanza, come se quello di cui hai bisogno lo avessi già. E cazzo, abbi la voglia di vivere la vita al 100%, sempre!

Chiaramente mi è capitato di parlare di questo “mio” metodo quasi solo alle persone che non mi avrebbero preso per pazza, o che volevo aiutare veramente, o di cui non mi importava il pensiero. Di certo non sono mai andata per le strade con un campanaccio a dire alla gente “Hey puoi avere tutto quello che desideri gratuitamente!” Ancora adesso davanti ad una frase del genere mi farei due problemi pure io. Ma se ti soffermi a pensare è proprio così, abbiamo un manuale di istruzioni per questo infinito videogames ma è andato disperso, e continuiamo a girare, fare cose, respirare, finchè le batterie non si scaricano e la vita finisce senza aver concluso niente di tanto entusiasmante.

E la reazione dopo aver visto che questa cosa funzionava era sempre: ma come, ti ho sempre vista come una persona ordinaria ma in realtà hai custodito questo per tutto il tempo? Si.

O al contrario: ma come, ti ho sempre vista come una persona ordinaria ma in realtà hai custodito questa malattia mentale per tutto il tempo? Forse.

Una volta ero sola con una delle mie amiche più strette, e vedevo avesse il bisogno di una persona al suo fianco che la tirasse su in un periodo un po’ così, e tutti noi avevamo bisogno di un po’ di movimento nel nostro gruppo di amici, perchè iniziavamo ad annoiarci. Allora davanti ad un caffè le ho detto il mio modo di pensare, e le ho detto che sarei andata dritta al punto, e le avrei dimostrato una cosa che le avrebbe cambiato la vita, senza monetine o dimostrazioni banali. Le ho fatto aprire le note del telefono e sia io che lei abbiamo scritto queste due cose che volevamo per la nostra vita, poi le ho chiesto di dimenticarsene. Un anno dopo eravamo insieme e io stavo sfogliando le mie note, come è mio solito fare. Ho ritrovato quella in particolare e gliel’ho mostrata: abbiamo alzato lo sguardo e nel tavolo con noi c’erano in nostri nuovi amici, compreso il suo ragazzo. Ci siamo messe a ridere, ma la cosa penso abbia emozionato entrambe!

Penso di aver cambiato anche un po’ il pensiero di un mio caro amico, che all’inizio era scettico. Gli ho prestato uno dei miei libri e gli ho mandato la foto di questo metodo in “pillole”, scritto in pochi passi con un metodo semplice: da lì ogni volta mi fa ridere il fatto che mi mandi in DM su Instagram, video o foto di persone famose già arrivate al successo, che parlano di questo metodo o mettono le foto dei loro libri, di autori o case editrici diverse. Non importa in che modo comprendiate la legge, può essere da un libro o da questo “articoletto” che sto scrivendo, perchè solo l’idea di poter spargere nel mondo il concetto che vivere è molto più facile di quello che si crede, mi fa gioire!

Ovviamente ci sono anche i contro come tutte le cose, ma questo dipende da persona a persona. Secondo la mia esperienza, mi sono accorta che quando sono giù di morale o ho un periodo no, la legge per me non esiste, non riesco ad azionare il cervello e ad essere positiva nel mio modo di pensare, e quindi i risultati non mi arrivano. Il modo migliore infatti di agire è quando vi sentite bene, e riuscite a respirare la sensazione di essere già arrivati al successo con più facilità.

Per usare la legge di attrazione a tuo vantaggio, falla diventare un’abitudine come ho fatto io, non ricorrere ad essa solo per materialismo… In un niente inizierai a pensare a cosa desideri e ti ritroverai senza più niente da chiedere.

Ora, non so quanti crederanno alla mia storia, ma sinceramente, cari lettori, se mi prenderete per pazza vi stringerò virtualmente la mano, perchè io sto arrivando agli obiettivi che mi sono predisposta e mentre voi magari mi giudicate, io vi auguro il meglio!

Buona vita!