A little Guide for two days in London

A little Guide for two days in London

Where could I start…

La mia partenza per un’altra città era imminente, talmente tanto da aver cancellato tutti i miei altri piani di viaggio.

Avevamo già discusso sulle possibili mete da visitare nel periodo post esami dell’Università, ma poi era andato tutto in fumo. O almeno finchè non hanno rimandato per la seconda volta il mio trasferimento.

Successe tutto nel giro di 24 ore: decisione della città, prenotazione voli, prenotazione albergo, itinerario per le due giornate.

Insomma sarebbe stata una vacanza breve ma intensa… talmente intensa che infatti per la fretta di vedere tutto… abbiamo esaurito i posti che ci eravamo ripromesse di visitare entro la prima giornata.

Sono partita con la mia migliore amica Anastasia, colei che sognava da una vita di vedere la grande e caotica Londra.

La spesa volo/permanenza è stata abbastanza economica, per dire che siamo partite dalla Sardegna senza fare alcuno scalo! (Spesa: 47€ volo a/r, 100€ tre notti in hotel, 147€ totali a testa)

How to get from the Luton Airport to London: (from our experience)

Come siamo atterrate all’aeroporto di Luton, ci siamo rivolte ad un info point nella “regione ticket” per fare il biglietto per lo Shuttle Bus per Luton Park Way, una corsa abbastanza leggera che ti porta fino alla stazione di King’s Cross. Nel mezzo di questo tragitto vi faranno scendere alla prima stazione, dove poi dovrete, con lo stesso biglietto acquistato in aeroporto, proseguire prendendo il treno fino appunto la stazione di King’s Cross. (Spesa: 13 pounds a testa)

Come siamo scese dal treno ci hanno fatte uscire da quell’area per poi entrare all’interno della stazione stessa, dove poi avremmo preso la metro.

Fate attenzione: serviranno per uscire dei ticket pass (o oyster card) che potrete fare ad una macchinetta automatica, il biglietto acquistato in aeroporto da ora non è più valido!

Da lì secondo il vostro alloggio, Google Maps sarà il vostro migliore amico! Ma non disperate, la metro di Londra è davvero semplicissima!

Siamo arrivate in tarda nottata in albergo (zona Bayswater), il Berjaya Eden Park Hotel: due passi dalla stazione di Bayswater e qualche passo in più da quella di Queensway. Per non parlare dei cinque minuti a piedi che ci hanno separate da Hyde Park!

La notte stessa ci siamo limitate solamente a fare un giro dell’isolato, poichè due ragazze da sole il sabato notte non si sentono molto sicure, capiteci!

Ma la mattina dopo eravamo cariche e pimpanti per iniziare la giornata.

Siamo partite alle 08:00 con una passeggiata per Hyde Park, a vedere i cigni che sguazzavano sotto allo stupendo e raro sole di Londra.

Uscendo dal lato opposto, superato l’Albert Memorial, abbiamo preso un bus per Picadilly Circus, dove è iniziata davvero la nostra avventura.

Da Picadilly si ramifica un mondo davvero vasto di posti e quartieri da vedere, da Leicester Square a China Town, da Oxford Street a Covent Garden… Insomma, con una lunga passeggiata potrete vedere tutto il circondario e rifarvi decisamente gli occhi.

In seguito abbiamo deciso di andare a piedi a vedere il BigBen, a nostra sfortuna in restaurazione, quindi abbiamo proseguito per il London Bridge, abbiamo ammirato il London eye e poi abbiamo attraversato il Tower Bridge.

Pensando che solo questo programma ci avrebbe occupato la giornata intera (erano solo le 12:00), abbiamo proseguito con la scaletta del giorno dopo, direzione Camden Town.

Lì ci siamo rilassate, abbiamo passeggiato a lungo e abbiamo acquistato molti oggetti carini a poco prezzo. Se avete lo stomaco in subbuglio per la fame, potete stare tranquilli, questa zona pulula di chioschetti per ogni tipo di gusto e cucina! Ma forse non è l’atmosfera adatta per tutti i tipi di viaggiatori: l’alternatività di Camden Town comprende più che altro turisti, adolscenti e punk. I caffè sono molto affollati di giorno, mentre durante la vita notturna la zona cambia, e include più che altro locali di musica dal vivo e pub. Forse il mio posto preferito a Londra.

Dopo di che siamo tornate verso Picadilly, giretto generale perchè Londra non te la godi mai abbastanza.. e dopo qualche ora siamo andate in hotel ad appoggiare acquisti e zaini e siamo riuscite, per incontrare degli amici e cenare fuori tutti insieme.

In poco tempo è scesa la notte, e abbiamo chiamato un taxi per andare nei rispettivi hotels.

La mattina dopo non sapevamo già cosa fare, allora ci siamo dirette a piedi verso Notting Hill (era vicino 30 minuti a piedi da noi), ad ammirare lo stupendo quartiere e le case colorate di Portobello Road. Per il ritorno siamo ripassate da Hyde Park, dove abbiamo avuto il piacere di conoscere un paio di scoiattoli.

Dopo la nostra economica ma efficace colazione da McDonald’s, siamo andati in un centro commerciale poco fuori Londra, dove lavorava un vecchio amico, e ci siamo dedicati allo shopping e al sushi… Lo so, Banali…

Nella via del ritorno ci siamo fermati al National History Museum… sì, quello con lo scheletro gigante appeso all’entrata. Gratuito, aperto dalle ore 10:00 alle ore 17:50, imperdibile.

Tappa in Albergo a lasciare gli zaini e cena fuori in centro. Quella sera abbiamo scattato delle bellissime foto sotto la porta di China Town.

Insomma, la nostra vacanza è stata piccola ma efficace!

(Spesa ritorno Aeroporto di Luton, ore 06:00: 80 pounds in 3 da Bayswater!)

Spero che potrete raccogliere informazioni utili dalla nostra esperienza per il vostro prossimo viaggio a Londra, alla prossima avventura!